Archivi tag: incidenti

Diario incidenti e fatti a Porto Marghera – 2006-gennaio 2011

16/05/2006    Il Consiglio Comunale di Venezia Blocca il Referendum per la chimica e lo trasforma in sondaggio postale ai cittadini del Comune

20/05/2006    La Cassazione conferma le condanne ed il verdetto della Corte D’Appello sul processo Petrolchimico – 1 anno e 6 mesi a 5 dirigenti per la morte di un lavoratore  e il pagamento dei danni ai familiari, tutte le altri morti di lavoratori sono cadute in prescrizione.

16/06/2006    Partono le schede per il Sondaggio Postale sulla chimica.  Il quesito è il seguente: “Il ciclo del cloro a Porto Marghera è costituito da alcuni impianti industriali collegati tra loro, costruiti sulla gronda lagunare agli inizi degli anni ’70. Tale ciclo, che ha alla base l’impianto CloroSoda è finalizzato alla produzione di TDI e PVC che prevedono come prodotti intermedi Cloro, CVM, Fosgene.
Volete voi che continuino la produzione e la lavorazione del cloro, del CVM e Fosgene?     SI        NO

06/07/2006    Incidente all’Impianto CV24-25 Ineos ex EVC – Falla ad una guarnizione di un filtro con fuoriuscita dichiarata di circa 8kg di CVM

15/07/2006     Al sondaggio Postale sulla chimica hanno risposto  circa 78mila cittadini e l’80% dei partecipanti si è schierata contro la continuazione del ciclo del Cloro.

24/08/2006    La Dow Chemical comunica agli enti locali l’intenzione di chiudere gli impianti di TDI di Porto Marghera

17/01/2007    Incidente all’impianto CV23 produzione dicloroetano – Blocco del termo combustore per blocco circolazione acqua di lavaggio dei fumi –per 54 minuti

30/01/2007    Avviate le procedure di Bonifica, chiusura e smontaggio degli Impianti TDI di Porto Marghera

05/02/2007    Impianto CV24 – Camini E24 ed E25 messa fuori servizio analizzatori CVM per manutenzione  per 19 ore.

26/02/2007    Impianto CV24 – Camini E24 ed E25 messa fuori servizio analizzatori CVM per guasto

03/04/2007    Un’interrogazione del PRC in Comune di Venezia e in Regione risolleva il caso dell’incidente del 6 luglio 2006 agli impianti CVM/PVC e si solleva il dubbio che non siano fuoriusciti pochi kg di CVM ma alcune tonnellate come sembra essere emerso dalle indagini che sono seguite all’evento .

29/06/2007    La Commissione VIA Nazionale autorizza senza peraltro averlo esaminato  l’aumento della produzione di Dicloroetano dell’impianto DL1-2 da 100.000 a 150.000 tonnellate anno. La commissione comunica che il progetto non è soggetto a procedura di VIA

11/07/2007    Interrogazione in Regione di Bettin sulla fuga del 6 luglio 2006. Forse sono uscite 6 tonnellate di CVM e non pochi kg (170 – 200 kg) come dichiarato da Ineos Evc … La più grande fuga di CVM al petrolchimico. Anche Rifondazione solleva il caso.

08/08/2007    Impianto CV23 –Produzione Dicloroetano – Blocco termo combustore per black out elettrico durata 6 ore – riallineamento off gas e vent gas dopo 6 ore – dichiarata dall’azienda emissioni di 50-60kg di Dicloroetano dal camino E13 (dati sicuramente sottostimati NdR)

11/12/2007    Le associazioni ambientaliste denunciano pressioni politiche sulla commissione VIA che deve valutare il progetto di Bilanciamento CVM-PVC

01/02/2008    Impianto CV23 – produzione Dicloroetano- Blocco termo combustore per blocco alta temperatura. Durata evento 2ore e mezzo- azienda dichiara emissione di 43 kg di Dicloroetano e 12 kg di CVM ( dati sicuramente sottostimati NdR)

05/02/2008    Continua la telenovela infinita intorno alla chimica di porto Marghera: gli ambientalisti denunciano pressioni politiche sulla Commissione VIA che deve valutare il progetto di Bilanciamento PVC-CVM; i lavoratori chimici continuano la mobilitazione con manifestazioni e blocchi stradali; Ineos minaccia di abbandonare Marghera se non ottiene le autorizzazioni.

12/03/2008    In un’intervista alla Nuova Venezia il direttore generale del ministero all’Ambiente spiega i motivi per i quali Ineos non ha ottenuto ancora il parere positivo della commissione VIA ; i motivi sono: Piani di emergenza esterna non aggiornati; certificati di prevenzione incendi inesistenti; autoclavi vecchie di 38 anni che producono rifiuti tossici oltre i limiti previsti; carenze operative e di manutenzione che hanno determinato tra il 2004 e il 2008 otto incidenti alcuni con fughe di gas cancerogeni.

20/03/2008    Il Consiglio dei Ministri approva il Progetto CVM/PVC con alcune prescrizioni. Non sono serviti i molti dubbi tecnici esplicitati dai tecnici del Ministero dell’Ambiente e le opposizioni delle associazioni ambientaliste e delle popolazioni che si erano chiaramente espresse contro la chimica del cloro con il sondaggio postale. PRODI ha deluso ancora una volta la componente ambientalista che ha permesso la sua vittoria alle elezioni.

09/04/2008    Impianto CV24 – operaio durante manutenzione di una valvola viene colpito in faccia da schizzi di acido con effetto di leggera intossicazione pur avendo indossato la maschera.

30/07/2008    Ineos Vinyls approva il bilancio in perdita del 2007 – Annuncia di voler vendere gli impianti italiani e afferma che se entro due mesi non trova chi acquirenti chiuderà gli impianti.

27/09/2008    Compare l’imprenditore Fiorenzo Sartor che vorrebbe acquistare gli impianti CVM/PVC

02/01/2009    Dopo mesi di telenovela sulla vendita a Sartor degli impianti CVM/PVC il 31 dicembre 2008 si è firmato accordo Ineos e Sartor.

14/02/2009    Tutti felicissimi per l’acquisto della chimica del cloro di Sartor …. Berlusconi, Cacciari, Galan, Zoggia, Sindacati …. Tutti Esultano!!!!

31/03/2009    Firma definitiva Accordo Sartor Ineos

21/04/2009    Articoli sui giornali titolano: Già al fallimento la società di Sartor     – Impianti chimici verso la chiusura – Vinyls pronta a portare libri in tribunale – Ennesimo colpo di scena nella tormentata cessione di Ineos.

29/05/2009    La Vinyls di Sartor in mano ai giudici Presentata in tribunale l’istanza di amministrazione straordinaria.

01/08/2009    I giornali danno notizia di una piccola perdita di CVM il 30 luglio all’impianto CV22-23 . Gli impianti sono in stand by da mesi “ gli impianti, purtroppo sono vecchi e la manutenzione non viene più eseguita con la frequenza di un tempo. Si tratta di impianti ad alto rischio”

14/08/2009    Incidente sul lavoro alla Vinyls di Marghera : vittima un dipendente di una ditta di subappalto – cortocircuito, operaio ustionato – le fiamme lo colpiscono a mani e viso, è grave – ricoverato a Padova

25/09/2009    I giornali riportano la notizia di un ricorso al TAR presentato dall’Associazione Gabriele Bortolozzo e dall’Ecoistituto Veneto contro l’aumento di Produzione degli impianti CVM/PVC

15/11/2009    Manifestazione dei chimici per minaccia di CIG alla Vinyls – alcuni operai si arrampicano per protesta sulle torri/camini del CV22 e CV24 – la protesta sulle torri dura 4 giorni.

14/01/2010    Telenovela Vinyls  continua….. forse la società araba Ranko è interessata all’acquisto degli impianti CVM/PVC

18/03/2010    Interrogazione parlamentare del senatore Casson sulla vicenda Vinyls

13/05/2010    Gli arabi della Ranko mollano miseramente trattative Vinyls

04/06/2010    Nuovi controlli dell’ARPAV agli impianti Vinyls di P.Marghera, ispezionati depositi e impianti pericolosi fermi da un anno.

10/06/2010    Petrolchimico a giudizio – Processo per 3 dirigenti Polimeri Europa del 3 luglio 2007 – Principio d’incendio e nuvola tossica – Manifestazioni lavoratori Vinyls fino a piazza S.Marco – croci di legno in Piazza per la Morte dei posti di Lavoro

25/11/2010    Manifestazione dei chimici in CIG di Vinyls – alcuni operai si arrampicano per protesta sulle torri/camini del CV22 e CV24 – la protesta sulle torri dura tutta la giornata

13/12/2010    Manifestazione dei chimici in CIG di Vinyls – alcuni operai si arrampicano per protesta sulle torri/camini del CV22 e CV24 – la protesta sulle torri dura per molti giorni fino a dopo natale – I lavoratori oltre a voler garanzie sul pagamento della CIG chiedono garanzie perché la trattativa con la Holding svizzera Gita interessata all’acquisto degli impianti del ciclo del cloro vada a buon fine . Vogliono che gli impianti che loro considerano sicuri e compatibili dal punto di vista ambientale vengano rimessi in marcia e vogliono tornare a lavorarci .

19/01/2011    Al TAR del Veneto vengono discussi i due ricorsi delle associazioni Gabriele Bortolozzo e Ecoistituto Veneto contro i progetti di Bilanciamento degli impianti di produzione CVM e Pvc e dell’aumento di produzione dell’impianto DL1 e 2 per la produzione di Dicloroetano – la sentenza verrà emessa entro 60 giorni.