Archivi tag: progetti

Petizione contro la TAP. Firma anche tu!

Riportiamo quanto arrivatoci via e-mail il 5 aprile 2017.

Abbiamo deciso di sostenere questa lotta con una petizione al presidente Mattarella, al premier Gentiloni e al governatore Emiliano.

Firma la petizione

Il gasdotto prevede lo sradicamento di centinaia di olivi secolari, la perforazione del terreno sotto spiagge meravigliose e zone agricole, una deturpazione assurda del territorio.

Pensiamo che la scelta del Salento per il passaggio del gasdotto pregiudicherà irrimediabilmente la vocazione turistica del territorio e il suo patrimonio paesaggistico e naturale.

Alle ragioni ambientali delle proteste si sono unite quelle economiche e legali, emerse da un’importante inchiesta dell’Espresso uscita questa settimana. Dietro il gasdotto sembra ci siano sono forti interessi privati e un oscuro intreccio d’affari che va dalla Russia alla Svizzera.

http://www.progressi.org/notap

Con la nostra petizione chiediamo alle istituzioni più alte del Paese di ascoltare la voce dei cittadini e dei turisti del Salento, di revocare questa localizzazione e di accogliere le proposte alternative per il gasdotto.

Firma e aiutaci a diffondere la petizione, facciamo sentire la nostra voce e salviamo il Salento dalla devastazione e dalla speculazione del TAP.

Vittorio – PROGRESSI

——————-

Siamo andati a vedere sul sito, e vi riportiamo alcune informazioni.

CHI E’ “PROGRESSI”

Progressi è un’associazione noprofit e indipendente. Non prendiamo soldi dalle istituzioni né dalla pubblicità. Soprattutto, non vendiamo i dati dei nostri sostenitori.

Dal sito si legge:

“Progressi compie un anno e si conferma la prima no-profit italiana che mobilita i cittadini su temi progressisti attraverso strumenti digitali avanzati.

In un anno abbiamo avviato più di 30 campagne, a cui hanno aderito oltre 106mila persone, 220 volontari e 500 sostenitori attraverso donazioni. Abbiamo partecipato e collaborato a decine di iniziative nazionali.
Le nostre campagne online hanno dato voce a migliaia di cittadini con richieste di cambiamento a governo e parlamento. Qui sotto raccontiamo dei principali progressi che abbiamo fatto insieme.

Grazie a tutti i sostenitori e agli amici che hanno reso questo possibile”.

Link al sito